Biografia



Lisa Fissneider è nata a Bolzano il 1° ottobre 1994 e vive a Caldaro sulla Strada del Vino (BZ). Nuotatrice professionista, è specialista dello stile della rana.

Lisa e la sorella Evelyn (a sinistra) nel 2004

Lisa e la sorella Evelyn (a sinistra) nel 2004

Figlia d’arte, ha iniziato a nuotare a quattro anni d’età presso il Lago di Caldaro, sotto la guida del padre Klaus (ex nuotatore, tuttora attivo tra i master), il quale, constatato il grande interesse dimostrato da Lisa per la disciplina decise, nel 2000, di iscriverla per la prima volta ad una società sportiva, il SSV Bozen.

Nel 2006 cambiò una prima volta club, passando allo SC Meran, sotto la guida del tecnico Volker Müller. È con la società meranese che Lisa ha debuttato a livello nazionale, nel 2007, partecipando ai campionati assoluti giovanili invernali (categoria ragazze). Nel 2009 giunse il primo risultato di rilievo: terzo posto nella gara dei 100 rana ai campionati italiani giovanili primaverili.

Lisa con Volker Müller, tecnico del SC Meran

Lisa con Volker Müller, tecnico del SC Meran

L’eccezionalità di tale risultato stava nel fatto che fino a quel momento Lisa sosteneva ritmi di allenamento molto blandi (tre sedute a settimana), ma ciò nonostante riusciva a fare tempi più bassi  anche di atlete più preparate.

A settembre 2009, per motivi di studio, ha abbandonato lo SC Meran, trasferendosi alla Bolzano Nuoto, mettendosi sotto la guida dell’ex fondista Dario Taraboi, allora tecnico anche dell’altra “stella” del nuoto altoatesino, Laura Letrari.

Con la società bolzanina ha debuttato ai campionati assoluti invernali italiani nel 2009, dove, pur partendo in batterie di scarsa importanza, ha vinto due ori nelle gare dei 50 m rana con 30″94 e dei 100 m rana con 1’06″45, che le sono valsi il pass per gli Europei in vasca corta di Istanbul, dove però non ha superato le qualificazioni.

Lisa, Laura Letrari, Federica Pellegrini ed Elena Gemo agli Europei in vasca corta di Eindhoven 2010 - bronzo staffetta 4x50 mista

Lisa, Laura Letrari, Federica Pellegrini ed Elena Gemo agli Europei in vasca corta di Eindhoven 2010 – bronzo staffetta 4×50 mista

Il 15 gennaio 2010, nel corso di una lezione di educazione fisica a scuola, ha subìto il primo serio infortunio della sua carriera: la rottura del menisco del ginocchio destro, che l’ha costretta ad operarsi e a fermarsi per due mesi. Rientrata in vasca a marzo, a luglio ha partecipato agli Europei giovanili di Helsinki vincendo la gara dei 50 m rana (unico oro per l’Italia del nuoto in questa competizione) e l’argento nei 100 m rana. Pochi giorni dopo ha conquistato l’oro nei 50 e 100 m rana ai Campionati italiani giovanili estivi e, ad agosto, l’argento nelle medesime gare agli assoluti estivi. Convocata per gli europei in vasca da 25 metri di Eindhoven, ha vinto la medaglia di bronzo nella staffetta 4×50 m mista assieme a Laura Letrari, Elena Gemo e Federica Pellegrini.

Nel marzo 2011 ha conquistato tre ori nei 50, 100 e 200 m rana e un bronzo nella staffetta 4×100 mista con la squadra della Bolzano Nuoto (assieme a Arianna Letrari, Sandra Gufler, Jole Mattina) ai campionati italiani giovanili (categoria cadetti).

Ad aprile ha vinto la medaglia d’argento nei 200 m rana ai primaverili e conquistato il quarto posto sui 50. Sempre nel 2011, a luglio, ha monopolizzato le gare a rana degli assoluti giovanili (categoria cadetti), conquistando tre ori.

Tra il 4 e il 5 agosto ha fatto sue tutte e tre le distanze della rana anche ai Campionati italiani estivi di nuoto 2011.

Non ha partecipato ai campionati mondiali assoluti di Shanghai, ma in agosto, convocata ai mondiali giovanili di Lima, ha vinto le medaglie d’oro nei 50 (con il tempo di 31″51) e nei 100 m (con 1’07″71) e l’argento nei 200 m, migliorando il primato personale in tutte e tre le gare e risultando la migliore atleta della spedizione azzurra, consacrandosi così come potenziale atleta di punta del nuoto italiano.

Lisa assieme all'allenatore Dario Taraboi ai mondiali giovanili di Lima 2011

Lisa assieme all’allenatore Dario Taraboi ai mondiali giovanili di Lima 2011

Agli europei in vasca corta di Stettino, nel dicembre 2011, ha raggiunto la finale nelle gare dei 50m e dei 100m rana, chiudendo rispettivamente al sesto posto (con primato personale e record italiano senza costumi in poliuretano) e al decimo. Ha poi concluso al quinto posto la staffetta 4×50m mista, nella quale ha nuotato la frazione a rana.

L’anno 2012, che culmina con le qualificazioni per Giochi Olimpici di Londra, si apre bene per Lisa, che fa suoi tutti e 3 i titoli della rana in occasione dei Campionati nazionali Giovanili in vasca corta e conquista 3 argenti agli Assoluti in vasca lunga. Tuttavia, a causa di vari problemi e di un sostanziale calo di condizione, che pregiudica pesantemente il suo rendimento nella fase centrale della stagione, non riesce ad ottenere la qualificazione, e il sogno olimpico sfuma… per questa volta! La delusione certo è grande, ma come ben si sa: “Un insuccesso è utile per rimediare agli sbagli commessi”.

Il team di Verona. Da sinistra: coach Tamas Gyertyanffy, Alessia Polieri, Lisa e Carlotta Zofkova

Il team di Verona. Da sinistra: coach Tamas Gyertyanffy, Alessia Polieri, Lisa e Carlotta Zofkova

E, proprio per non ricascare nei medesimi errori, Lisa sfrutta i mesi estivi per ritrovare le motivazioni e per rivalutare il suo futuro da nuotatrice. Giova anche la fiducia accordata dalla Federnuoto, che ha dato a Lisa, dal 1°ottobre 2012, la possibilità di allenarsi a tempo pieno presso il Centro Federale di Verona sotto la guida del tecnico ungherese Tamas Gyertyanffy. Nonostante un grave infortunio al gomito sinistro, causato da una caduta in bicicletta, l’abbia poi costretta nuovamente a fermarsi tra la fine del 2012 e i primi del 2013, Lisa non si è persa d’animo e, dopo un recupero a tempo di record, ad aprile si è laureata campionessa italiana dei 50 m rana, conquistando poi due argenti sui 100 e 200 m rana e mancando di un soffio la qualificazione diretta ai mondiali di Barcellona, che alla fine è comunque arrivata, ai primi di luglio, subito dopo aver sostenuto la maturità presso l’Istituto Tecnico Commerciale. Ai mondiali le prestazioni sono state un po’ sotto le attese, con neanche una finale raggiunta e la beffa della squalifica della staffetta mista, ma ad agosto la stagione in lunga si è conclusa con due medaglie agli assoluti italiani estivi: oro e record personale sui 50 rana, argento sui 100.

Da novembre 2013 Lisa è entrata a far parte del gruppo sportivo della Guardia di Finanza (Fiamme Gialle), in regime di doppio tesseramento civile-militare con la Bolzano Nuoto.

A dicembre 2013 ha partecipato agli Europei in vasca corta di Herning (Danimarca), in cui ha fissato il record italiano sulle distanze dei 50 e dei 100 m rana, centrando la finale in tutte le distanze di questo stile. Un’ennesima squalifica le ha impedito di dare il suo apporto nella staffetta mista. A seguire vi sono stati i campionati italiani invernali, ove Lisa ha conquistato tre ori e un argento, contribuendo in maniera decisiva al nuovo record italiano della staffetta 4×100 mista, fissato dalle Fiamme Gialle. A conclusione dell’anno solare, ha partecipato al campionato italiano a squadre (Coppa Brema), dando un contributo determinante nell’eccellente risultato del team femminile della Bolzano Nuoto, che per la prima volta nella storia ha raggiunto la serie A2.

Nel 2014 Lisa debutta ai campionati nazionali primaverili, vincendo i 50 m rana con l’ottimo tempo di 31″09, che vale la qualificazione agli Europei in Berlino e manca di appena 1 centesimo di secondo il record nazionale. Con la squadra delle Fiamme Gialle (Alice Mizzau, Alessia Polieri e Arianna Barbieri) fa sua anche la staffetta 4×100 m mista, fissando il nuovo primato italiano in 4’04″01.

La stagione tuttavia è segnata dalla mononucleosi, che indebolisce Lisa al punto da costringerla a fermarsi per qualche settimana. Tornata in gara agli assoluti estivi, è autrice di prestazioni non al livello della sua classe, ma di comune accordo con la Federazione accetta di partire per Berlino a disputare gli europei. Nella capitale tedesca, tuttavia, la sfortuna non cessa di infierire: un cerotto non rimosso a tempo debito le costa la squalifica nelle batterie dei 50 m rana.

Lisa con l'allenatore Admir Kajo Kajevic (2015)

Lisa con l’allenatore Admir Kajo Kajevic (2015)

Si conclude così un anno solare decisamente negativo, ma Lisa è determinata a rifarsi prontamente. Proprio per questo, nell’estate del 2014, nonostante il buon lavoro svolto nel clima positivo di Verona, comprende di aver bisogno di stare più vicina a casa per rendere al meglio. Pertanto decide di tornare ad allenarsi a Bolzano, ma stavolta con un nuovo allenatore: Admir Kajo Kajevic, già assistente del grande tecnico statunitense Dave Marsh (head coach del prestigioso club SwimMac Carolina). A tale scelta tecnica si accompagna un “cambio di casacca”: il 31 ottobre, dopo 5 anni di felice rapporto costellato da molti successi, Lisa conclude il tesseramento con la Bolzano Nuoto e “ritorna alle origini”, nella squadra ove tutto è cominciato, il SSV Bozen.